Il tartufo da record

Queletia mirabilis
Moderatore globale
Messaggi: 11113
Iscritto il: 31 ago 2017, 14:11
Nome: Massimo
Comune: Lari
regione: Toscana
nazione: Italia

Re: Il tartufo da record

Messaggio da Queletia mirabilis » 09 mag 2023, 13:01

sagra 15a.JPG
sagra 18.jpg
sagra 19.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Franco Meiattini
Moderatore globale
Messaggi: 5581
Iscritto il: 11 ago 2018, 10:53
Nome: Franco
Comune: Siena
regione: Toscana
nazione: Italia
fotocamera: Nikon

Re: Il tartufo da record

Messaggio da Franco Meiattini » 09 mag 2023, 19:04

-6116 -6116 -6116 Chissà l'emozione nel trovarlo, più che nel mangiarlo ! cjhc
Un'altra bella sagra del tartufo è quella di San Giovanni d'Asso (per noi Sangiovand'Asso) nel comune di Montalcino.

Il Buttero
Amministratore
Messaggi: 14309
Iscritto il: 30 mag 2015, 09:27
Nome: renzo
Comune: capalbio
regione: toscana
nazione: Italia

Re: Il tartufo da record

Messaggio da Il Buttero » 10 mag 2023, 06:54

Ciao Massimo, grazie per questo post bello, emozionante.

Raffaella13
Moderatore globale
Messaggi: 10341
Iscritto il: 22 giu 2010, 15:32
Nome: RAFFAELLA
Comune: MARTELLAGO
regione: VENETO
nazione: ITALIA

Re: Il tartufo da record

Messaggio da Raffaella13 » 10 mag 2023, 06:59

Racconto davvero godibile Massimo, di una esperienza eccezionale sotto ogni punto di vista. Personalmente, mi sarebbe piaciuto trovare qualche riga in più anche su come il cane Rocco aveva superato l’eccitazione straordinaria, sotto lo stimolo olfattivo irresistibile di quel tesoro di tartufo. Glielo avranno dato pure a lui un premio? -5367
Un gesto generoso la donazione, nella consapevolezza che i doni della natura sono ben consumati se condivisi -6116

Queletia mirabilis
Moderatore globale
Messaggi: 11113
Iscritto il: 31 ago 2017, 14:11
Nome: Massimo
Comune: Lari
regione: Toscana
nazione: Italia

Re: Il tartufo da record

Messaggio da Queletia mirabilis » 10 mag 2023, 08:13

Per un cercatore di tartufi professionista deve essere stato difficile rinunciare a certe cifre per dare il "tubero" in beneficienza. Un ottimo gesto, ricompensato da una bella pubblicità alla ditta.

Questo era poco più di venti centimetri di diametro. Immaginiamoci quello di San Miniato del 1954, che pesava un chilo di più, come doveva essere!

Rispondi