Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Queletia mirabilis
Membro FeM
Messaggi: 369
Iscritto il: 31 ago 2017, 14:11
Nome: Massimo
Comune: Lari
regione: Toscana
nazione: Italia

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Queletia mirabilis » 12 dic 2017, 15:56

Costantin J._Atlas des Champignons_Pl. I.XI

Costantin J._Atlas des Champignons_Pl. I.XI.jpg
Costantin J._Atlas des Champignons_Pl. I.XI.jpg (37.42 KiB) Visto 252 volte

Queletia mirabilis
Membro FeM
Messaggi: 369
Iscritto il: 31 ago 2017, 14:11
Nome: Massimo
Comune: Lari
regione: Toscana
nazione: Italia

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Queletia mirabilis » 18 dic 2017, 10:23

et voilà... altre due tavole

La prima è del Bresadola, tratta da "I funghi mangerecci e velenosi dell'Europa media, con speciale riguardo a quelli che crescono nel Trentino e nell'alta Italia" del 1899 (con una seconda edizione del 1906). Opera inizialmente pubblicata in 5 parti dal 1895 al 1899 in "Almanacco del Consiglio Provinciale d'Agricoltura pel Tirolo" con il titolo di "Funghi mangerecci e velenosi del Trentino", e successivamente riunito in volume.

Vi è rappresentato un B. aereus con un improbabile colore rossiccio.

1899_Bresadola_I funghi mangerecci e velenosi dell'Europa media..., t. 89.jpg
1899_Bresadola_I funghi mangerecci e velenosi dell'Europa media..., t. 89.jpg (40.11 KiB) Visto 227 volte


la seconda è del Rolland tratta dall'articolo "Essai d'un calender des champignons comestibles des environs de Paris", pubblicato sul Bull. Soc. Mycol. Fr. v. 8 f. 1, 1892.

1892_Rolland_BSMF vol. 8, f. 1.jpg
1892_Rolland_BSMF vol. 8, f. 1.jpg (45.06 KiB) Visto 227 volte

Raffaella13
Membro FeM
Messaggi: 3980
Iscritto il: 22 giu 2010, 15:32
Nome: RAFFAELLA
Comune: MARTELLAGO
regione: VENETO
nazione: ITALIA

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Raffaella13 » 18 dic 2017, 14:22

xfxth aRolland amava le "calze a rete". Ha caratterizzato i gambi dei Boleti con bei reticoli evidenti. Grazie: abbiamo una collezione nutrita e begli esempi di disegni, attraverso un lungo lasso di tempo e tecniche. Mi piace molto -5367 -5327

Gianca50
Amministratore
Messaggi: 21380
Iscritto il: 23 mag 2008, 11:51
Nome: Giancarlo
Comune: S. s. P.
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix P7800
Contatta:

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Gianca50 » 18 dic 2017, 18:43

La figura 4 della seconda immagine c'è un bel Bolet fiel fylfy

Bolet cèpe a cosa corrisponde, all'edulis ??

Bel topic -6116 -6116

-5327 Gianca

Queletia mirabilis
Membro FeM
Messaggi: 369
Iscritto il: 31 ago 2017, 14:11
Nome: Massimo
Comune: Lari
regione: Toscana
nazione: Italia

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Queletia mirabilis » 19 dic 2017, 09:11

@Raffaella13: è vero. Sembrano quelle delle ballerine "d'antan".
@Gianca50: si, è l'edulis per i francesi.

-6691

Marians
Membro FeM
Messaggi: 1942
Iscritto il: 23 apr 2017, 14:52
Nome: Thomas
Comune: Cesenatico
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Sony dsc hx 300

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Marians » 03 gen 2018, 18:46

Tavole di tutti gli autori. bjasblas
Certo che le tavole disegnate son state per i primi studi di certo una bella indicazione per chi si appassionava in quei tempi ai boleti e non solo.
Ora con il modernismo ci son foto digitali e il miglioramento è netto ma si doveva pur passare da questi autori e i loro disegni ben fatti. dddga

Queletia mirabilis
Membro FeM
Messaggi: 369
Iscritto il: 31 ago 2017, 14:11
Nome: Massimo
Comune: Lari
regione: Toscana
nazione: Italia

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda Queletia mirabilis » 04 gen 2018, 09:16

Marians ha scritto:Tavole di tutti gli autori. bjasblas
Certo che le tavole disegnate son state per i primi studi di certo una bella indicazione per chi si appassionava in quei tempi ai boleti e non solo.
Ora con il modernismo ci son foto digitali e il miglioramento è netto ma si doveva pur passare da questi autori e i loro disegni ben fatti. dddga


Le icone del passato mi affascinano. Cerco di immedesimarmi nei pittori, nel lavoro difficile che dovevano fare e poi le tecniche di stampa, litografie, cromolitografie ecc. Ed una volta stampate quelle poche copie, queste venivano messe su qualche scaffale di un qualche istituto di botanica sperando che qualche micologo intraprendente ne facesse uso. Non dimentichiamoci che fino al 900 la micologia era la serie B della botanica. Gli studiosi preferivano assurgere alla fama con quest'ultima. I privati (soprattutto medici) che acquistavano i libri di funghi erano ben pochi. Poi con i lavori divulgativi le cose han cambiato verso, fino ad arrivare ai nostri giorni dove ritroviamo questi poveri libri sulle bancarelle di qualche mercatino, distrutti, smembrati nelle loro tavole, in attesa che passi uno come me che, impietosito li acquisti, gli dia una cornice e li appenda nel proprio studio.

Approfitto per pubblicare una nuova tavola tratta dal piccolo grande libro "Il porcino" di Carlo Luciano Alessio (1978).
L'autore è il mai abbastanza compianto Ernesto Rebaudengo.

1978, E. Rebaudengo in C.L. Alessio, Il porcino (1978).jpg
1978, E. Rebaudengo in C.L. Alessio, Il porcino (1978).jpg (54.59 KiB) Visto 117 volte

mefi
Moderatore globale
Messaggi: 9193
Iscritto il: 30 lug 2007, 22:52
Nome: Andrea
Comune: Laives
regione: Trentino-Alto Adige
nazione: Südtirol
fotocamera: Fuji Finepix SL300
Contatta:

Re: Il Boletus aereus attraverso le tavole di un passato più o meno lontano.

Messaggioda mefi » 04 gen 2018, 14:22

Tutto molto interessante, complimenti, mi piace molto scavare nei libri del passato, purtroppo ho poco tempo a disposizione.


ssdsd


Torna a “Micologia storica, testi classici e tavole”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti