esperienze di foto al microscopio

Moderatore: bob trenetta

Rispondi
cld.orla
Esperto
Messaggi: 1957
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:35
Nome: claudio
Comune: Carpi
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Canon 60 D e coolpix p 900

esperienze di foto al microscopio

Messaggio da cld.orla » 02 feb 2012, 00:17

La mia esperienza mi ha insegnato che fotografare bene al microscopio non è per niente facile. Quando mi sbaglio faccio qualche bel vetrino e mi fa dannare il fatto che spesso le foto non sono nitide come invecie è il vetrino. Dispongo del triloculare e una fotocamera canon g 9 con i relativi tubi adattatori. nonostante ciò ci sono spesso problemi come dicevo.
I problemi sono : necessita di ben impostare la macchina, micromosso anche se la macchina è fissata, messa fuoco solo per citarne qualcuno.
per il bilanciamento del bianco occorre regolarsi in base al tipo di illuminazione del microscpopio e dei filtri che vi sono montati, altrimenti i colori vengono falsati, troppo rosa , troppo bianco o troppo blu blu , io uso diaframmi medi o aperti perchè la profondità di campo in una immagine piatta non seve granchè ma mi serve luce intensa per usate tempi brevi per limitare il micromosso dovuto alla vibrazione dell'otturatore della macchina che c'è più o meno sempre. Per mettere a fuoco le immagini il più possibile preciso uso la modalità autofocus che è più veloce che poi blocco premendo un pochino il pulsante di scatto (così non si muove più) e perfeziono la messa a fuoco muovendo la vite micrometrica del microscopio controllando l'immagine su di un monitor tv di 19 pollici che ho collegato alla macchina fotografica poi scatto.
Dopo aver provato molte opzioni mi trovo finalmente bene anch se si può sempre migliorare. ovviamente conta tanto l'immagine di partenza ( il vetrino sottile e ben montato)

saluti da claudio

Vincenzo Migliozzi
Membro FeM
Messaggi: 62769
Iscritto il: 14 apr 2007, 16:03
Nome: Vincenzo
Comune: Roma
regione: Lazio
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix4500
Contatta:

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da Vincenzo Migliozzi » 02 feb 2012, 08:30

Puoi dirci le condizioni generali della digitale quali sono per immagini OK ?

Grazie

Enzo. -5327

Giuliano
Membro FeM
Messaggi: 2204
Iscritto il: 30 ago 2009, 07:25
Nome: giuliano
Comune: cervignano
regione: friuli
nazione: italia
fotocamera: Canon 80D

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da Giuliano » 02 feb 2012, 09:37

Io ho avuto le , di colori e di tempo che si perde. Ho buttato via tutto e ho acquistato una telecamera e con quella non ci sono problemi. Faccio ciò che voglio e senza perdide di tempo, i colori li regolo da monitor e faccio filmati e foto. La qualità la vedete voi dai miei post. Il difficile è l'incontrario... siccome io vedo attraverso il monitor mi sfugge di scattare una foto e poi dopo tolto il vetrino, mi accorgo che mi mancano particolari!!
Il costo di una telecamera è molto basso, basta cercare un pò, e meno di tutte le pistolate che si fanno con la macchina fot. Enzo tu che hai un bioculare... fai quello che devi fare con il vetrino, poi quando sei sicuro inserisci la telecamera su un oculare e fai tutto a monitor. Facile.
-5327 -5327

cld.orla
Esperto
Messaggi: 1957
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:35
Nome: claudio
Comune: Carpi
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Canon 60 D e coolpix p 900

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da cld.orla » 02 feb 2012, 10:35

Vincenzo Una regolazione della macchina fotografica ottimale non la conosco poichè dipende dalla luce che ti da il microscopio e dai programmi della macchina io uso taratura del bianco per illuminazione fluorescente perchè ho quella luce li, diaframma medio o tutto aperto a seconda della quantità di luce che ho nel vetrinoe dipende dallo spessore , se è un pezzo grande o piccolo dal colorante usato,ecc. quindi priorità di diaframma il tempo lo imposta la macchina .Io ho un microscopio con luce in eccesso quindi difficilmente mi trovo ad avere tempi lunghi da correggere. Io scatto in manuale perchè usando temi brevi non ho il problema del mosso ,poi la macchina è fissata. Uso la massima risoluzione tutto li.
Agli inizi che non conoscevo i mezzi ho provato in tutti i modi scattando e prendendo nota e sono arrivato a capire quale è la condizione migliore che il mio sistema offre. ciao da claudio

cld.orla
Esperto
Messaggi: 1957
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:35
Nome: claudio
Comune: Carpi
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Canon 60 D e coolpix p 900

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da cld.orla » 02 feb 2012, 10:51

Giuliano ciao è tanto che provo a pensare di acquistare una telecamera ma non so decidere perchè vorrei una telecamera che sia possibile usare su tutti i microscopi che ho compreso lo steremicroscopio che è quello che uso di più in totale 4 . Ho un problema di diametri e adattatori.
Quale risoluzione usare ? esistono telecamere che hanno buona risoluzione e danno immagini di 3.5 megapixxel e altre che danno la metà. quelle migliori costano il doppio delle altre. Mi piacerebbe fare questo per fare qualche foto quando vado in giro ai comitati e per avere qualche immagine allo stereomicroscopio. Dammi una mano visto che hai esperienza claudio

enotria
Membro FeM
Messaggi: 58
Iscritto il: 18 gen 2012, 16:50
Nome: Andrea
Comune: Ferrara
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da enotria » 07 feb 2012, 19:37

Se accetti qualche suggerimento, il primo problema che hai è proprio il tipo di fotocamera, è anche troppo prestante.

Certamente è perfetta per fare le foto durante le escursioni, ma è fin troppo complessa per la fotografia abbinata al microscopio, corri sempre il rischio che un automatismo ti modifichi qualche parametro all'ultimo istante.
Se io fossi in te, quando la uso sul microscopio, per prima cosa eliminerei tutti gli automatismi: anti vibrazione, ricerca del sorriso, auto inseguimento, auto focus, insomma qualsiasi cosa inizi per auto . . . è meglio eliminarla.
Se hai problemi ad eliminare l'autofocus, imposta la macchina su "Panorama", in questo modo il fuoco resta fisso, come deve essere, e bloccato su infinito.

L'unico automatismo che puoi usare è l'autoscatto, regolato sui due secondi, semplicemente per non muovere durante lo scatto.

Altro punto critico è il collegamento della fotocamera, sia dal punto di vista meccanico, sia dal punto di vista ottico.
Non so come la fotocamera resti fissata al microscopio, quindi controlla tu che sia ben stabile e che non dia possibilità di movimento, anche perché se si muove anche di poco ti impedisce di utilizzare le tecniche di stack per aumentare la profondità di fuoco.

Dal punto di vista dell'accoppiamento ottico vi sarebbero diverse cose da verificare, ad ogni modo se ottieni la piena copertura del fotogramma senza dover zoommare troppo può anche andare bene, senza andarti a cercare altri problemi. L'ideale è ottenere il totale riempimento del fotogramma a metà della zoommata.

Io penso che se fissi questi parametri, dopo pochi scatti di prova dovresti già vedere un miglioramento nei risultati.

Cordiali saluti

cld.orla
Esperto
Messaggi: 1957
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:35
Nome: claudio
Comune: Carpi
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Canon 60 D e coolpix p 900

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da cld.orla » 08 feb 2012, 12:55

Ti ringrazio tantissimo delle informazioni, Io utilizzo i tubi e i raccordi che Zeiss mi ha fornito, ma sono di plastica ed appena un pò di gioco c'è lo stesso. per la regolazione della fotocamera già uso l'esclusione degli automatismi escluso l'autofocus che mi è comodo perfezionando a mano la messa a fuoco viene molto precisa. Anche per lo zoom basta un piccolo movimento che copro il campo. Sicuramente può essere utile usare l'aoscatto appena posso ci riprovo, ho un altro problema di cui vorrei parlare e riguarda la centratura dell'asse verticale.
io faccio il controllo e la taratura sia del Keller(non ricordo se si scrive così) che della centratura dell'asse verticale centrando il condensatore, tutte le volte che uso il microscopio, ma (e qui c'è il problema) ogni volta che cambio l'obiettivo L'asse si sposta anche se di poco. per ingrandimenti modesti la nitidezza non cambia molto ma a 1000 devo per forza allineare. Io penso dipenda da una piccola differenza nella centratura di rotazione della torretta degli obiettivi. Secondo te è possibile intervenire su questo centraggio?
grazie e saluti da claudio

enotria
Membro FeM
Messaggi: 58
Iscritto il: 18 gen 2012, 16:50
Nome: Andrea
Comune: Ferrara
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da enotria » 09 feb 2012, 08:17

cld.orla ha scritto: ho un altro problema di cui vorrei parlare e riguarda la centratura dell'asse verticale.
io faccio il controllo e la taratura sia del Keller(non ricordo se si scrive così) che della centratura dell'asse verticale centrando il condensatore, tutte le volte che uso il microscopio, ma (e qui c'è il problema) ogni volta che cambio l'obiettivo L'asse si sposta anche se di poco. per ingrandimenti modesti la nitidezza non cambia molto ma a 1000 devo per forza allineare. Io penso dipenda da una piccola differenza nella centratura di rotazione della torretta degli obiettivi. Secondo te è possibile intervenire su questo centraggio?
grazie e saluti da claudio
Una prima soluzione è quella che penso tu utilizzi già: centri il condensatore all'ingrandimento massimo e porti pazienza agli ingrandimenti minori.

Ma io non so quanto il difetto ti dia fastidio, anzi, io non so di te parecchie cose per poterti dare una risposta.
Non so che microscopio hai, ad esempio i vecchi Zeiss avevano la possibilità di intervenire facilmente sulla centratura dell'asse verticale. Alcuni rotori addirittura sono costruiti in modo da permettere la centratura su ogni singolo obiettivo.

Ad ogni modo, è possibile intervenire su tutti i microscopi, cambia solo la facilità con cui lo si può fare e, naturalmente, il modo. -9459

L'argomento che ti interessa è stato esaminato nell'incontro tecnico del Settembre 2010 e ne puoi trovare nota sul sito di Carboni che riporta tutte le pubblicazioni di Sini: http://www.funsci.com/fun3_it/sini/mo/comeallineare.pdf
Il problema è chi potrebbe fare questo intervento: o lo fai tu dopo aver letto le note di Sini, altrimenti penso che nessuno si prenda la briga di fare un lavoro simile.

Io, al posto tuo, mi leggerei l'articolo che ti ho indicato e proverei a migliorare, per quanto ti è possibile, la centratura.
Poi, centrerei il condensatore e tutto l'asse ottico con l'obiettivo da 100x e mi fermerei li. :ok:

Cordiali saluti

cld.orla
Esperto
Messaggi: 1957
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:35
Nome: claudio
Comune: Carpi
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Canon 60 D e coolpix p 900

Re: esperienze di foto al microscopio

Messaggio da cld.orla » 09 feb 2012, 10:50

di nuovo grazie per le informazioni, il microscopio in questione è uno Zeiss Axioscope A 1 che ho da poco più di due anni. proverò a controllare in base ai suggermenti letti dall'articolo che gentilmente hai reso disponibile se non ci riesco o se lo ritengo complicato chiamo l'assistenza. Io faccio proprio come dici, tengo allineato il mille, centrando il condensatore, o che provoca le distorsioni più visibili . ciao da claudio

Rispondi