Il colore: quanto conta?

include un glossario micologico
Rispondi
Daddua
Membro FeM
Messaggi: 853
Iscritto il: 08 ago 2020, 23:39
Nome: Claudio
Comune: Liniköping
regione: Östergötland
nazione: Svezia
fotocamera: iPhone SE

Il colore: quanto conta?

Messaggio da Daddua » 17 ago 2022, 10:33

Ciao a tutti.
Sfogliando i vari post con fotografie, sia delle 100 specie più comuni che altri, mi sono accorto che la variabile maggiore è costituita dal colore del cappello.
Trovo molto difficile usare il colore, salvo alcuni casi, come elemento utile a distinguere un fungo e mi sto pian piano facendo l’idea che per l’identificazione corretta siano più importanti altri caratteri distintivi, che non sto qui a elencare.
Volevo chiedere ai più esperti di me se quest’impressione che ho sia sbagliata o meno.
Ovvio che il colore conti, al pari di altri elementi: non voglio dire il contrario, ma solo che mi pare uno degli elementi con più variabilità.
Grazie in anticipo a chi mi chiarirà questo dubbio 🙂

Franco Meiattini
Moderatore globale
Messaggi: 3737
Iscritto il: 11 ago 2018, 10:53
Nome: Franco
Comune: Siena
regione: Toscana
nazione: Italia
fotocamera: Nikon

Re: Il colore: quanto conta?

Messaggio da Franco Meiattini » 17 ago 2022, 11:03

Come tutto il resto, il colore conta. Ma fino a un certo punto e a seconda delle specie. Ci sono specie che hanno una grande variabilità, più che altro di intensità cromatica, altri molto meno. Ci vuole un po' di esperienza sul campo e anche in biblioteca. -5327

Daddua
Membro FeM
Messaggi: 853
Iscritto il: 08 ago 2020, 23:39
Nome: Claudio
Comune: Liniköping
regione: Östergötland
nazione: Svezia
fotocamera: iPhone SE

Re: Il colore: quanto conta?

Messaggio da Daddua » 17 ago 2022, 11:28

Franco Meiattini ha scritto:
17 ago 2022, 11:03
Come tutto il resto, il colore conta. Ma fino a un certo punto e a seconda delle specie. Ci sono specie che hanno una grande variabilità, più che altro di intensità cromatica, altri molto meno. Ci vuole un po' di esperienza sul campo e anche in biblioteca. -5327
Grazie, Franco :-)

progosk
Membro FeM
Messaggi: 1812
Iscritto il: 20 nov 2020, 12:43
Nome: Philip
Comune: Roma
regione: Lazio
nazione: Italia

Re: Il colore: quanto conta?

Messaggio da progosk » 17 ago 2022, 13:46

Daddua ha scritto:
17 ago 2022, 10:33
Trovo molto difficile usare il colore, salvo alcuni casi, come elemento utile a distinguere un fungo
Ti capisco: la prima caratteristica per cui ci colpisce d'un fungo che scorgiamo, e dunque facilmente la prima cosa che proviamo a ritrovare, sfogliando i vari repertori/libri, è facilmente il colore. Ma appena ti addentri un po' di più, si rivela caratteristica... spesso fuorviante, inteso come primo criterio.

Rimane senz'altro un'elemento di cui tenere conto, e per alcuni generi ti rimarrà come caratteristica fondamentale da registrare, per arrivare a capire davanti a quale specie ti trovi. Ma con molti generi, finisce per essere caratteristica di secondo ordine o perfino di ultimo - pensa ai "little brown mushrooms", definiti come indistinguibili proprio per la loro comunanza cromatica.

Alcuni generi particolarmente squillanti nei colori - tipo le russule - sono poi particolarmente intricate da derimere, e di nuovo l'attenzione cromatica è sì fondamentale, ma mai in maniera semplice/lineare (tranne per alcune eccezioni). Anche per le Boletacee, approfondendole il colore è un'elemento chiave, ma anche lì non è così immediato, ma più in combinata con altri indizi. Poche specie hanno una chromia che di per sé li identifica completamente - le trombe di morto, la Lepista nuda, il gallinaccio, il verdone R. virescens - ma sono le eccezioni, più che una utile regola primaria.

Per un primo approccio alla distinzione tra funghi direi che è senz'altro più utile uno sguardo morfologico, a trovare (o meno) certe caratteristiche strutturali e di forma. In seconda battuta, il colore è criterio preziosissimo a secondo del caso poi (per esempio: precisissimo discriminatore delle sporate - è utile a proposito familiarizzarsi con la bella tabella storica chromatico-nomenclaturale di Saccardo, elaborato nella sua Chromotaxia, o anche approfondire elaborazioni successive come questa sistematica a sporotaxa), quindi bene farci caso, ma più come informazione di corredo, come l'odore, il sapore, e il contesto di comparsa.

Daddua
Membro FeM
Messaggi: 853
Iscritto il: 08 ago 2020, 23:39
Nome: Claudio
Comune: Liniköping
regione: Östergötland
nazione: Svezia
fotocamera: iPhone SE

Re: Il colore: quanto conta?

Messaggio da Daddua » 19 ago 2022, 13:18

progosk ha scritto:
17 ago 2022, 13:46
Daddua ha scritto:
17 ago 2022, 10:33
Trovo molto difficile usare il colore, salvo alcuni casi, come elemento utile a distinguere un fungo
Ti capisco: la prima caratteristica per cui ci colpisce d'un fungo che scorgiamo, e dunque facilmente la prima cosa che proviamo a ritrovare, sfogliando i vari repertori/libri, è facilmente il colore. Ma appena ti addentri un po' di più, si rivela caratteristica... spesso fuorviante, inteso come primo criterio.

Rimane senz'altro un'elemento di cui tenere conto, e per alcuni generi ti rimarrà come caratteristica fondamentale da registrare, per arrivare a capire davanti a quale specie ti trovi. Ma con molti generi, finisce per essere caratteristica di secondo ordine o perfino di ultimo - pensa ai "little brown mushrooms", definiti come indistinguibili proprio per la loro comunanza cromatica.

Alcuni generi particolarmente squillanti nei colori - tipo le russule - sono poi particolarmente intricate da derimere, e di nuovo l'attenzione cromatica è sì fondamentale, ma mai in maniera semplice/lineare (tranne per alcune eccezioni). Anche per le Boletacee, approfondendole il colore è un'elemento chiave, ma anche lì non è così immediato, ma più in combinata con altri indizi. Poche specie hanno una chromia che di per sé li identifica completamente - le trombe di morto, la Lepista nuda, il gallinaccio, il verdone R. virescens - ma sono le eccezioni, più che una utile regola primaria.

Per un primo approccio alla distinzione tra funghi direi che è senz'altro più utile uno sguardo morfologico, a trovare (o meno) certe caratteristiche strutturali e di forma. In seconda battuta, il colore è criterio preziosissimo a secondo del caso poi (per esempio: precisissimo discriminatore delle sporate - è utile a proposito familiarizzarsi con la bella tabella storica chromatico-nomenclaturale di Saccardo, elaborato nella sua Chromotaxia, o anche approfondire elaborazioni successive come questa sistematica a sporotaxa), quindi bene farci caso, ma più come informazione di corredo, come l'odore, il sapore, e il contesto di comparsa.
Graie mille per la riposta e per i link!
Conferma abbastanza quello che avevo in mente, anche se l'ho espresso in modo un po' superficiale :swe:
Per ora ho poco da esercitarmi: qui in Svezia sta facendo temperature regolarmente intorno ai 28 gradi e le poche gocce di pioggia che stanno arrivando sicasciugano in fretta... Vedremo in settembre. -5178

Rispondi