I FUNGHI DI MARZO .

Rispondi
Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 07:56

Molto simile e con lo stesso habitat, ma con apoteci che arrivano a 2 mm è Mollisia melaleuca, chiamata così per il contrasto cromatico della superficie esterna molto scura, quasi nera, e il colore dell'imenio bianco bluastro-grigio.
Le spore sono ellissoidali, 7 x 2,5, biseriate negli aschi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 07:57

Sui resti dei frutti di ontano (Alnus glutinosa) che possiamo trovare in pianura nei parchi e lungo i fiumi, cresce Mollisia amenticola.
I suoi apoteci sono di color giallo ocra sia nell'imenio che nella superficie esterna.
Le spore di forma ellittica sono più piccole 5-5,5 x 1,5-2 e sono uniseriate negli aschi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 07:59

Gli strobili di abete intrisi d'acqua, vicino a corsi d'acqua o a neve in disgelo, vengono spesso colonizzati da Rutstroemia bulgarioides.
Questa specie forma degli apoteci stipitati appressati di circa 1 cm.
L'imenio è di color molto scuro: bruno-nerastro-olivastro.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 08:01

Quando incontriamo un pezzo di legno di latifoglia che presenta una colorazione verde bluastra probabilmente siamo in presenza di Chlorociboria aeruginascens.
I suoi apoteci sono brevemente stipitati, di un bel color blu-turchese.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 08:02

Sui rami di quercia ed altre latifoglie possiamo trovare Colpoma quercinum, con i suoi apoteci sessili, semi affondati nella corteccia, aventi una consistenza gelatinosa ad umido.
La superficie esterna è scura e l'imenio è di color giallo-oliva.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 08:04

Sui rami di Larice, ancora ancorati alla pianta, possiamo trovare la bellissima Lachnellula willkommii.
I suoi apoteci, brevemente stipitati, hanno la superficie esterna ricoperta da una fitta peluria di color bianco che contrasta con il giallo tuorlo dell'ìmenio.
Questa specie è un parassita del larice che provoca, nei punti d'attacco, dei vistosi tumori legnosi.

Molto simile è L. occidentalis che ha lo stesso habitat, ma è specie saprofita.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 08:06

Sulle deiezioni bovine cresce Cheilymenia granulata, che fruttifica con apoteci di circa 3 mm di colore arancio vivo.

Nella successione dei funghi che vivono in questo particolare habitat, gli ascomiceti vengono dopo gli zigomiceti.
Per il loro sviluppo utilizzano quello che è restato degli zuccheri, del carbonio solubile e delle proteine, e cominciano a degradare la cellulosa che sarà poi utilizzata con la lignina dai basidiomiceti.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 08:07

Anemone nemorosa è spesso parassitato da Dumontinia tuberosa, chiamata così perché all'estremità del gambo forma uno sclerozio molto duro di color bruno-nerastro con interno di color bianco.
Gli apoteci arrivano fino a 3 cm di diametro e il gambo è lungo e sottile anche in relazione allo spessore del substrato.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5037
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 08:15

Sui rizomi di Paris quadrifolia cresce invece Sclerotinia paridis = Stromatinia paridis, un rarissimo ascomicete trovato dal Boudier solo un paio di volte!
Allego la descrizione e la tavola tratta da <Icones Mycologicae> del Boudier.

Invito tutti quelli che conoscono stazioni di Paris quadrifoglia a cercare questa interessantissima specie!

-5327 -5327 Giuseppe
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gianca50
Amministratore
Messaggi: 21601
Iscritto il: 23 mag 2008, 11:51
Nome: Giancarlo
Comune: S. s. P.
regione: Emilia Romagna
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix P7800
Contatta:

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gianca50 » 01 mar 2017, 11:08

Grazie per questa interessante carrellata -6116 -6116

-5327 Gianca

Rispondi