I FUNGHI DI MARZO .

Rispondi
Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 29 feb 2016, 08:52

Su residui legnosi di conifera, preferibilmente di abete, in questo periodo comincia a fruttificare Discina ancilis = Discina perlata.
Si presenta con degli apoteci con la parte fertile gibbosa, ondulata e di colore brunastro. La superficie esterna è biancastra.
Caratteristiche sono le sue spore che presentano degli apicoli corniformi molto pronunciati ben visibili nella bella foto di Vincenzo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 29 feb 2016, 08:53

Peziza badia invece cresce in tutti i tipi di bosco normalmente in gruppi appressati o concresciuti ed è una specie molto comune.
Gli apoteci, di color bruno, hanno il bordo liscio e ondulato. Per distinguerla dalle specie vicine è essenziale l’indagine microscopica.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 29 feb 2016, 08:54

Altrettanto comune è Peziza varia che cresce in gruppi su detriti legnosi di latifoglia, su segatura ed anche su residui bruciati.
Bella è la sua superficie esterna forforacea di color biancastro.
Osservando con un lentino la sezione della sua carne si possono distinguere 5 strati ben visibili nella foto di Micophyllo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 29 feb 2016, 08:56

Nei luoghi concimati ed anche su sterco degradatato troviamp Peziza vesiculosa che si presenta all’inizio con degli apoteci molto fragili quasi chiusi che poi si aprono con lo sviluppo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 29 feb 2016, 08:57

Altra specie molto comune del periodo è Psathyrella candolleana che cresce se residui legnosi.
Si distingue per la taglia, per il colore chiaro del cappello privo di toni bruni e per il gambo privo di anello.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di Gizeta il 29 feb 2016, 08:59, modificato 1 volta in totale.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 29 feb 2016, 09:00

Per Psathyrella vernalis riporto qui quanto scritto da Vincenzo in occasione del suo ritrovamento:


Psathyrella vernalis autentico sosia di Ps. candolleana.

ritrovamento effettuato in data 11.03.2014 , a Castel di Guido, tra frustuli legnosi di varie essenze ha una forte somiglianza con Psathyrella candolleana ma con sfumature crema-rosate , specialmente al disco, che finora ad ora non ho mai osservato in candolleana.

Ho dovuto escludere immediatamente candolleana per la presenza di pleurocistidi ( in candolleana sono assenti ).
Seguendo il testo di F. Fouchier sono immediatamente pervenuto al sottogenere Psathyra, Sezione Spadiceogriseae , SottoSezione Spadiceogriseae per arrivare alla determinazione come Psathyrella vernalis.


-6565 a Vincenzo e buone raccolte a tutti! -6597

-5327 -5327 Giuseppe
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di Gizeta il 29 feb 2016, 09:01, modificato 1 volta in totale.

Raffaella13
Membro FeM
Messaggi: 4999
Iscritto il: 22 giu 2010, 15:32
Nome: RAFFAELLA
Comune: MARTELLAGO
regione: VENETO
nazione: ITALIA

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Raffaella13 » 29 feb 2016, 10:25

ssdsd Tu sei già per rive e boschi FJLFYFYF noi stiamo già a tirar gli occhi anche nei giardini: ho visto qualcosina che si prepara. Vediamo se smette un poco di piovere domani....

Vincenzo Migliozzi
Membro FeM
Messaggi: 62769
Iscritto il: 14 apr 2007, 16:03
Nome: Vincenzo
Comune: Roma
regione: Lazio
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix4500
Contatta:

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Vincenzo Migliozzi » 29 feb 2016, 19:47

Ciao Giuseppe

GRAZIE !.

Enzo.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2016, 14:04

-6565 a voi!

-5327 -5327 Giuseppe

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5096
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI MARZO .

Messaggio da Gizeta » 01 mar 2017, 07:55

Ciao a tutti!
Con i primi tepori di marzo iniziano a fruttificare gli ascomiceti che poi esploderanno in aprile con le ricercate e prelibate morchelle.

Rovistando nelle cataste di legna o rovesciando dei rami al suolo di latifoglia, nella parte inferiore è possibile trovare in dense colonie Mollisia cinerea.
Si tratta di un ascomicete che forma degli apoteci di circa 3 mm di diametro, sessili, con la superficie esterna liscia di color grigio-bruno e l'imenio grigio-bluastro più o meno pallido o scuro in relazione all'umidità.
A livello microscopico le spore sono cilindraceo-clavate, un po' arquate, spesso biguttulate con dimensioni 9 x 2,5 micron e disposte irregolarmente negli aschi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Rispondi