I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Rispondi
Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:12

Comune sui tronchi di sambuco, ma anche di altre essenze, si trova Auricularia auricula-judae da noi raccolta e consumata da pochi, ma addirittura coltivata in oriente a scopo alimentare e medicinale.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:13

Comune sulle ceppaie, cresce Auricularia mesenterica facilmente riconoscibile per la consistenza gelatinosa e la fitta peluria che ricopre la superficie sterile.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:14

Molto bella da trovare è Tremella mesenterica con le sue eleganti fruttificazioni gelatinose di color giallo canarino.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:15

E' possibile trovare degli esemplari albini dove il pigmento giallo manca totalmente. Si tratta di Tremella lutescens, specie però non da tutti riconosciuta e attualmente sinonimizzata con la precedente.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:17

Meno appariscente della precedente, su rami di quercia ma anche di altre latifoglie cresce Exidia truncata. Le sue fruttificazioni se crescono su rami al suolo sono grossolanalmente discoidali provviste di un corto pseudo gambo, se invece si sviluppano su tronchi in piedi sono a forma di mensola sessile. La superficie fertile è irregolare per la presenza di appuntite piccole verruche. Spore ialine.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:18

Nello stesso habitat troviamo anche Bulgaria inquinans un ascomicete a sporata nera che si presenta con delle fruttificazioni globose che con lo sviluppo di appiattiscono mantenendo però un margine sempre un po' debordante.
Questa specie è facilmente confondibile a livello macroscopico con Exidia truncata che però è un fragmobasidiomicete appartenente alla famiglia Tremellaceae. In caso di dubbio un semplice vetrino al microscopio è sufficiente per separare queste due specie.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:21

Con lo sciogliersi della neve, nelle abetaie riaffiorano gli strobili e su questo particolare habitat è facile rinvenire i dischetti bruno neri o grigiastri di Rutstroemia bulgarioides. Si tratta di un ascomicete che produce delle coppette di 3-10 mm provviste di un corto pseudo gambo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:22

Rovistando sotto ontano, si può trovare Ciboria amentacea, un ascomicete che cresce sugli amenti maschili di questa pianta o, più raramente di salice.
Le fruttificazioni sono a forma di coppa di color ocraceo provviste di un gambo più o meno lungo in funzione della profondità di interro dell'amento.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:23

Nei pressi di Anemone nemorosa cresce Dumontinia tuberosa, una specie parassita che forma degli sclerozi sotterranei legati ai rizomi di questa pianticella.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5065
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI FEBBRAIO .

Messaggio da Gizeta » 31 gen 2016, 08:26

La specie più ambita del mese è senz'altro Hygrophorus marzuolus già rinvenuto dal nostro bravo Giancarlo nei giorni scorsi.
E' una bella e buona specie che predilige i boschi misti di abete bianco consociati con abete rosso, faggio, castagno.
Cresce profondamente interrato nello strato di foglie e spesso viene trovato perchè calpestato.
E' una specie abbastanza presente sull'appennino dove fruttifica regolarmente tutti gli anni, mentre ne sono conosciute poche stazioni sulle alpi e dalle mie parti è quasi del tutto scomparsa.

-5327 -5327 , al prossimo mese!
Giuseppe
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Rispondi