I FUNGHI DI GENNAIO 2013

I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Vincenzo Migliozzi il 28 dic 2008, 13:19

Bene, riprendiamo seriamente il discorso "i funghi di Gennaio".
Sarà dura, viste le previsioni meteo, però mi sento di confermare qualche specie nonostante tutto.
Per la Flammulina velutipes per esempio questo potrebbe essere addirittura solo l'inizio.
Non dimentichiamo infatti che questa specie ama il freddo e che a differenza di quasi tutte le altre specie può nascere addirittura con la neve.
Ripropongo la foto di ( GIANCA50 ) già usata precedentemente poichè la raffigura egregiamente
Allegati
velutipes gianca50.jpg
velutipes gianca50.jpg (170.42 KiB) Osservato 2044 volte
Vincenzo Migliozzi
Moderatore globale
 
Messaggi: 50018
Iscritto il: 14 apr 2007, 16:03
Nome: Vincenzo
Comune: Roma
regione: Lazio
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix4500

Re: I FUNGHI DI GENNAIO

Messaggiodi Terzo il 28 dic 2008, 14:32

Un'altra specie che non dovrebbe mancare in questo mese è il Leccinum lepidum.
Fungo non eccezionale dal punto di vista alimentare, ma che riesce a darti belle emozioni quando lo trovi.
Abbondante nei boschi di leccio può riempire il cesto anche in questo mese così avverso per i raccoglitori di funghi.
Anche per questo fungo penso basti una bella ed esauriente foto per non confonderlo con altri funghi:
(foto di Vincenzo)
Allegati
lepidum  vince.jpg
lepidum vince.jpg (143.15 KiB) Osservato 1993 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO

Messaggiodi Terzo il 28 dic 2008, 15:40

Un'altra specie che ancora potremmo ancora trovare a Gennaio, ma è più un augurio che una previsione, è l'[b]Hygrophorus russula[/b].
Fungo inconfondibile anche questo per le sue screziature rossastre sia sul cappello che sul gambo.
A volte si gira per ore nel bosco senza vederne traccia, poi all'improvvviso si incappa in una stazione di crescita che ti fa riempire il cesto.
Spesso questo fungo si comporta come il marzuolo (un Higroforo anche lui d'altronde) ossia rimane nascosto sotto le foglie rimanendo invisibile fino a quando l'occhio di un conoscitore esperto non intravede che qualcosa sta sollevando le foglie e allora... in quel caso si raccolgono gli esemplari più belli, ancora sodi e non eccessivamente aperti.
Allegati
russulavince.jpg
russulavince.jpg (171.88 KiB) Osservato 1979 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO

Messaggiodi Terzo il 28 dic 2008, 16:09

Ancora un HYGROPHORUSche potreste incontrare, ma questa volta ben distinguibile per il suo colore rosato e per l'inconfondibile alone più scuro al centro del cappello:
HYGROPHORUS ROSEODISCOIDEUS
Allegati
Higrdoseodisco.jpg
Higrdoseodisco.jpg (84.02 KiB) Osservato 1625 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Terzo il 28 dic 2008, 22:58

ancora una foto (di Vincenzo)
Allegati
DSCN9078%20roseodiscoideus[1].jpg
DSCN9078%20roseodiscoideus[1].jpg (142.46 KiB) Osservato 1105 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Terzo il 03 gen 2009, 15:07

Vorrei tornare sui [size=TricholomaTerreum/scalpturatum/atrosquamosum/squarrulosum, per cercare insieme di distinguerli l'uno dall'altro.

Sono tutti più o meno fragili, campanulati prima e spianati dopo, con umbone e con squamette sul cappello,ecc.
Alcuni prediligono i boschi di conifere, come il terreum, ma non è detto!
Quindi ci dobbiamo affidare ad altre caratteristiche per poterli determinare con certezza
Ciò che può aiutarci a distinguere per esempio un terreum dagli altri è la mancanza di [/b]odore e la tendenza delle lamelle a colorarsi di grigio, oltre ad essere leggermente "denticolate".
Le squamette tendono al grigio topo/grigio nerastre

Lo scalpturatum invece si distingue per le lamelle che tendono a macchiarsi di giallo, come anche il gambo;
le squamette sono tendenzialmente più sul beige/marroncino e l'odore è di farina

Atrosquamosum[/b] presenta le classiche squamette nerastre sul [b]cappello e , ma anche sul gambo.
Inoltre ha un caratteristico odore di pepe e anche lui ha [b]sapore di farina.

Infine lo squarrulosum , che può essere considerato una varietà dello atrosquamosum, è anche lui è coperto di squamette nerastre specialmente al centro del cappello, e nel gambo si presentano fitte, scure e puntiformi
l'odore è di farina, le lamelle bianco grigiastre

Queste sono a grandi linee le differenze macroscopiche per poter provare a distinguere una specie dall'altra, non dimenticando che esistono altre specie simili, sempre commestibili, ma forse meno comuni .

Dalle nostre parti inoltre non mi sembra sia stato mai trovato il Tricholoma Josserandii unica specie tossica che potrebbe essere confusa, ma come dicevo precedentemente presenta un forte odore di "cimice"
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Terzo il 03 gen 2009, 17:23

e ora posto le ultime foto di Vincenzo dove possiamo osservare alcuni caratteri peculiari del Tricholoma terreum ( lamelle denticolate e ingrigenti)
Allegati
Terreum.jpg
Terreum.jpg (172.09 KiB) Osservato 1040 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Terzo il 03 gen 2009, 17:24

ancora
Allegati
terreum2.jpg
terreum2.jpg (189.7 KiB) Osservato 915 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Terzo il 03 gen 2009, 17:27

ed invece dello scalpturatum (si macchiano di giallastro )
Allegati
scalptugiall.JPG
scalptugiall.JPG (169.17 KiB) Osservato 911 volte
Terzo
 

Re: I FUNGHI DI GENNAIO .

Messaggiodi Terzo il 03 gen 2009, 17:27

ancora
Allegati
scalptur.jpg
scalptur.jpg (168.88 KiB) Osservato 908 volte
Terzo
 

Prossimo

Torna a ILLUSTRAZIONI DEI FUNGHI ITALIANI DEL PROSSIMO MESE . SPAZIO DEDICATO AGLI APPASSIONATI RACCOGLITORI .



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite