I FUNGHI DI OTTOBRE .

Rispondi
Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2016, 06:26

Molto più diffuso è invece il MORTALE Cortinarius rubellus = C. speciosissimus.
Caratteristici sono il cappello conico campanulato con un umbone acuto, la cuticola asciutta e fibrillosa, il gambo ricoperto dal velo giallastro che disegna bande a zig zag che contrastano con il colore di fondo rossiccio.
Cresce sotto aghifoglia nei pressi di detriti legnosi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2016, 06:28

Nei boschi di conifera troviamo anche Cortinarius hercynicus una specie di color viola in ogni sua parte.
In Index Fungorum è tenuto diviso da Cortinarius violaceus, anche se per molti autori si tratta della stessa specie o di una sua varietà.

Si differenziano per l'habitat di crescita e per le spore: C. violaceus cresce sotto latifoglia e ha spore leggermente più piccole di forma da ellissoidali ad amigdaliformi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2016, 06:30

Sotto latifoglia cresce Cortinarius violaceus una specie di color viola in ogni sua parte.
In Index Fungorum è tenuto diviso da Cortinarius hercynicus, anche se per molti autori quest'ultimo è considerato una sua varietà.

Si differenziano per l'habitat di crescita e per le spore: C. hercynicus cresce sotto aghifoglia e ha spore leggermente più grandi da ellissoidali a subglobulose.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2016, 06:31

Una bellissima specie con colori veramente particolari è Cortinarius atrovirens.
La sua cuticola è di color verde oliva più scuro al centro cosparsa di fibrille nerastre ed è vischiosa e brillante a tempo umido.
Le lamelle hanno il filo biancastro ed inizialmente sono di color giallo zolfo, giallo oliva.
Questi colori si ripetono anche sul gambo che presenta alla base un bulbo marginato ricoperto da residui micdeliari giallo zolfo.
Cresce nei boschi di conifere sotto abete bianco. Specie tossica!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2016, 06:32

Altra specie tossica è Cortinarius sanguineus che si riconosce per il colore rosso sangue presente in ogni sua parte e per il portamento slanciato.
Cresce nei boschi di aghifoglia in mezzo al muschio ed è abbastanza comune e diffuso.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2016, 06:33

Cortinarius semisanguineus invece ha solo le lamelle di color rosso vermiglio mentre il cappello è di color ocra arancio più o meno scuro, con tonalità oliva e il gambo giallo ocraceo cosparso di fibrille.
Cresce nei boschi di aghifoglia in mezzo al mirtillo ed è meno diffuso del precedente.
E' indicata come specie sospetta probabilmente tossica.

-5327 -5327 Giuseppe.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 30 set 2017, 07:12

Ciao a tutti!
Con le piogge autunnali e le giornate più fresche nei boschi è tutto un fiorire (si spera!) di belle specie.

Uno dei primi funghi a comparire sotto pino dopo la pausa estiva e le fruttificazioni della tarda primavera è Suillus granulatus.
E' una specie di facile determinazione, ampiamente diffusa nelle pinete e che troviamo anche in quota sotto i mughi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 30 set 2017, 07:18

Specie vicina è Suillus collinitus che si distingue per la cuticula più scura decorata da fibrille scure e per la presenza di micelio rosa alla base del gambo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 30 set 2017, 07:22

Nelle pinete litoranee cresce anche Suillus mediterraneensis dal cappello molto chiaro con tonalità giallo fulve.
E' evidente sul gambo la punteggiatura brunastra verso il basso e la sezione evidenzia la carne gialla.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5052
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 30 set 2017, 07:23

Una specie delle pinete litoranee e di non agevole distinzione dalle specie vicine è Suillus bellinii.
Di norma si presenta con il gambo tozzo più corto del diametro del cappello e decorato da granulazione rossastre.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Rispondi