I FUNGHI DI OTTOBRE .

Ktenea
Esperto
Messaggi: 598
Iscritto il: 22 apr 2008, 16:04
Nome: Mauro
Comune: Assemini

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Ktenea » 30 set 2011, 08:12

Una specie meravigliosa che possiamo incontrare, purtroppo sempre più di rado, nelle calde giornate di inizio ottobre è senz’altro il Boletus regius
Boletus regius3 [salv].JPG
Boletus regius3 [salv].JPG (164.49 KiB) Visto 1400 volte

Si tratta di un fungo molto appariscente con un cappello di color rosso rubino che contrasta col colore giallo cromo dei pori. Anche il gambo è giallo in sommità e ricoperto di un fine reticolo concolore, mentre al piede è spesso sfumato di rosso. Ha carne immutabile e questa caratteristica consente di differenziarlo agevolmente dal suo sosia che è Boletus pseudoregius. Si tratta di una ottima specie commestibile anche se un pò indigesta. Purtroppo la gente ha imparato a conoscerla e raccoglierla…… non se ne vede davvero quasi più in giro!!!

Ktenea
Esperto
Messaggi: 598
Iscritto il: 22 apr 2008, 16:04
Nome: Mauro
Comune: Assemini

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Ktenea » 30 set 2011, 08:13

Un altro boleto molto grazioso e non molto frequente ma che potremo trovare questo mese è Aureoboletus gentilis
aureoboletus gentilis2 [salv].JPG
aureoboletus gentilis2 [salv].JPG (140.9 KiB) Visto 1282 volte
È un funghetto molto grazioso caratterizzato dal bellissimo colore dei pori di un bel giallo molto evidente, ha il cappello estremamente vischioso di colora rosa rossiccio , sovente sfumato di giallo.
Non è certamente un fungo comunissimo anche se è “affezionato” alle stazioni di crescita.
Le sue caratteristiche lo rendono facilmente identificabile. È un fungo di latifoglia e sarebbe anche commestibile, ma le sue scadenti qualità, l’esiguità della specie e la rarità dei ritrovamenti ne sconsigliano l’utilizzo in cucina.
Rimane però uno splendido “bersaglio” per la macchina fotografica.

Ktenea
Esperto
Messaggi: 598
Iscritto il: 22 apr 2008, 16:04
Nome: Mauro
Comune: Assemini

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Ktenea » 30 set 2011, 08:15

Altra specie che cresce in verità lungo tutta la stagione micologica e non solo in questo mese, è Gymnopilus spectabilis
gymnopilus spectabilis1 [salv].JPG
gymnopilus spectabilis1 [salv].JPG (124.17 KiB) Visto 1274 volte
È un fungo che cresce cespitoso su tronchi di conifere e che raggiunge spesso taglie davvero ragguardevoli, caratteristica da cui trae il nome. Il suo cappello infatti raggiunge agevolmente i 20 cm di diametro ed è inoltre assai carnoso, è di colore giallo brunastro, spesso con toni aranciati,la sua carne è decisamente amara. Sul gambo robusto presenta un anello membranoso e persistente. Non si tratta di una specie commestibile ma anzi sembra possedere delle tossine psicotrope che causerebbero effetti allucinogeni.

Ktenea
Esperto
Messaggi: 598
Iscritto il: 22 apr 2008, 16:04
Nome: Mauro
Comune: Assemini

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Ktenea » 30 set 2011, 08:16

Un altro fungo in grado di raggiungere dimensioni notevoli è Hygrophorus penarius, noto come lardaiolo bianco.
hygrophorus penarius2 [salv].JPG
hygrophorus penarius2 [salv].JPG (147.83 KiB) Visto 1280 volte
Si tratta di una buona specie commestibile di colore interamente bianco, al più sfumata di giallo al centro del cappello. Si riconosce abbastanza agevolmente, oltre che per le ragguardevoli dimensioni, anche per il caratteristico odore che ricorda quello del latte bollito. E una specie che cresce principalmente sotto querce e che è possibile trovare anche nei mesi successivi. Data la sua consistenza, specie da giovane,si presta alla conservazione sott’olio.

Ktenea
Esperto
Messaggi: 598
Iscritto il: 22 apr 2008, 16:04
Nome: Mauro
Comune: Assemini

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Ktenea » 30 set 2011, 08:18

Ecco un altro fungo che è diventato preda ambita anche dei cercatori isolani; è Lepista nuda, conosciuta come”violetto”.
Lepista nuda1 [salv].JPG
Lepista nuda1 [salv].JPG (171.61 KiB) Visto 1297 volte
E’ un fungo molto bello ed appariscente per il suo bellissimo colore viola, assai carnoso e con carne molto profumata.
Come dicevo è un fungo assai ricercato ma che a volte, incautamente consumato, provoca delle intossicazioni gastrointestinali anche intense. La ragione sta nel suo contenuto di tossine termolabili che a causa di cotture affrettate, magari rigirandolo sulla graticola senza che venga raggiunta la temperatura necessaria, non vengono disattivate.
Se ben cotto però è un fungo decisamente saporito!!!
È possibile confonderlo con il suo “sosia rachitico” ; la Lepista sordida ed in particolare con la sua varietà lilacina
Lepista sordida var. lilacina (7) [salv] [salv].JPG
Lepista sordida var. lilacina (7) [salv] [salv].JPG (157.33 KiB) Visto 1286 volte

Che è appunto una copia minuta e gracile della specie appena descritta. Possiede anch’essa delle tossine termolabili ma è assai meno buona della “sorella maggiore”.

Ktenea
Esperto
Messaggi: 598
Iscritto il: 22 apr 2008, 16:04
Nome: Mauro
Comune: Assemini

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Ktenea » 30 set 2011, 08:20

Per concludere ecco Agaricus phaeolepidotus
Agaricus phaeolepidotus3 [salv].JPG
Agaricus phaeolepidotus3 [salv].JPG (164.66 KiB) Visto 1299 volte
Si tratta di un Agaricus che cresce nei boschi e che fa parte della sezione degli xanthodermatei, cioè specie che hanno carne ingiallente e la caratteristica di avere un forte odore di fenolo. Sono tutte specie tossiche anche se non particolarmente pericolose.
In particolare questo fungo ha dei toni bruni che se non fosse per l’ingiallimento e l’odore, appunto di fenolo, potrebbe essere scambiato per specie commestibili quali Agaricus silvaticus, assai simile nell’aspetto ma che presenta carne arrossante ed odore grato.
Nel darvi appuntamento al prossimo mese approfitto per salutarvi tutti con un abbraccio. -5327 -6691 -5327 -6691

Vincenzo Migliozzi
Moderatore globale
Messaggi: 62805
Iscritto il: 14 apr 2007, 16:03
Nome: Vincenzo
Comune: Roma
regione: Lazio
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix4500
Contatta:

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE E NOVEMBRE

Messaggioda Vincenzo Migliozzi » 01 ott 2011, 14:32

max ha scritto:
Clitocybe nebularis

L’ ho voluto trattare fra i commestibili, ma ne è sconsigliato vivamente il consumo ed è stato cancellato dalla lista dei funghi eduli.
molta gente ancora lo raccoglie mi sembra doveroso fare qualche accenno sulla tossicità molto particolare di questa specie.
E’ un fungo molto buono e questo lo so per esperienza diretta, ma è ormai accertato, contiene una tossina che il fegato non riesce a sintetizzare/scomporre (digerire), pertanto provoca danni irreversibili a questo importante organo.
Mangiato una volta in quantità modica non ti accorgi di nulla;
continuando con il consumo frequente o ravvicinato ci si può accorgere che s’inizia a sentirlo indigesto fino alla nausea ed il rifiuto totale.
Personalmente mi limitavo ad una/due mangiatine l’anno in modica quantità, ma un giorno mi è successo di avere senso di nausea e giramento di testa mentre li pulivo sotto acqua corrente in un locale poco areato, tanto che sono dovuto andare fuori all’aria aperta per respirare e riprendermi.
Non li mangio più e consiglio vivamente chi si ostina a consumarli di non farlo.
Non è per fare terrorismo psicologico e non ho fonti attendibili da presentare, ma se non bastasse, ho sentito alcuni micologi (non semplici fungaroli) affermare che il consumo frequente di questa specie possa dare anche problemi molto seri (i più seri) alla prostata.
una foto di Vincenzo


ciao ...
concordo pienamente con te per quanto riguarda il nebularis...
fino ad una decina di anni fa non lo conoscevo come fungo (da un punto di vista edule intendo) e come sempre in questi faccio prevalere la mia regola : se non conosco non raccolgo o al più (soprattutto se ce ne sono esemplari in quantità) ne raccolgo uno e lo faccio vedere ad un micologo (magari per raccolte future)

dopo che mi sono stati "insegnati" dalla nonna di mia moglie e vicinato (li hanno mangiati da sempre) ho iniziato a raccoglierli in piccole quantità soprattutto per il fatto di avere un profumo veramente intenso che mal si addiceva a mangiarli puri, un pò nei sughi misti e via, per insaporire..

bene da quando ho saputo della loro presunta tossicità non li ho più raccolti anche perchè come te quando li sbollentavo non si stava in cucina
anche io consiglio di non consumarli ed anche a questo punto anche di lasciarli nel bosco dove sono (per ridurre l'impatto sull'Habitat)

però c'è da dire una cosa: quanto sono belli appena spuntati con quelle file che non finiscono più -7092 -7092
ciao a presto

spero prima o poi di dare il mio contributo

:marameo:


Parole davvero giuste e comportamento responsabile.. -1987 -1987

Siamo in molti ad averlo mangiato ...senza danni .........ma la statistica personale conta poco difronte ai tanti casi di insopportabilità.

Enzo. -5327

Vincenzo Migliozzi
Moderatore globale
Messaggi: 62805
Iscritto il: 14 apr 2007, 16:03
Nome: Vincenzo
Comune: Roma
regione: Lazio
nazione: Italia
fotocamera: Coolpix4500
Contatta:

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Vincenzo Migliozzi » 01 ott 2011, 14:37

Ktenea ha scritto:Eccocii finalmente ad Ottobre, dopo la lunga estate e le piogge settembrine arriva il momento di divertisri davvero nel bosco!!!
Da ora e quantomeno sino a dicembre inoltrato non correremo più il rischio di tornare a casa senza aver visto nulla che valesse la pena di essere raccolto o almeno fotografato.
Qui da noi Ottobre è un mese dal clima mite, il mese dei porcini e degli ovoli, ma anche di tantissime specie….
Iniziamo con la bellissima Amanita ovoidea
amanita ovoidea3 [salv].JPG

Si tratta di un fungo davvero bellissimo, di taglia spesso imponente, totalmente bianco, con cappello normalmente privo di resti del velo generale, ha un anello evanescente che lascia sul margine del cappello e sul gambo residui “cremosi”, come si evidenzia bene dalla foto che segue
amanita ovoidea2 [salv].jpg

Un particolare che è bene osservare è il colore della volva che è bianca.
Si tratta di un fungo che è anche possibile consumare, anche se lo reputo veramente scadente, ma che è comunque bene scartare per la possibilità di confonderlo con una specie davvero molto simile, l’Amanita proxima


Grazie a te , caro Mauro , per la precisione teutonica nel dare inizio ai funghi del mese di Ottobre.

Quest'anno.........il mese di Ottobre inizia male ma speriamo che si rimetta presto in ordine.

Ed ora aspettiamo i graditi contributi di Daniele e di Giuliano.

-5327

Daniele
Moderatore di sezione
Messaggi: 3709
Iscritto il: 16 apr 2007, 20:49
Nome: Daniele
Comune: Aruja'
regione: Sao Paulo
nazione: Brazil
Contatta:

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Daniele » 03 ott 2011, 10:51

salve a tutti

Ottobre è un mese molto ricco di funghi, normalmente ( quest'anno, se non piove prossimamente -9459 )....

tante sono le specie descritte fino ad ora, anche questa volta cercherò di ampliare il quadro con le immagini dei ritrovamenti fatti l'anno scorso

le foto sono tutte di Vincenzo

comincio con un genere molto diffuso in autunno, la Clitocyba

ecco la Clitocybe costata

clitocybe%20costataDSCN1005.JPG
clitocybe%20costataDSCN1005.JPG (231.23 KiB) Visto 1088 volte

Daniele
Moderatore di sezione
Messaggi: 3709
Iscritto il: 16 apr 2007, 20:49
Nome: Daniele
Comune: Aruja'
regione: Sao Paulo
nazione: Brazil
Contatta:

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggioda Daniele » 03 ott 2011, 10:55

al confronto con...

...Clitocybe alkaliviolascens

clitocybe%20alkaliviolascensDSCN1065.jpg
clitocybe%20alkaliviolascensDSCN1065.jpg (212.69 KiB) Visto 1113 volte


Torna a “I funghi del prossimo mese”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti