I FUNGHI DI OTTOBRE .

Rispondi
Raffaella13
Membro FeM
Messaggi: 4887
Iscritto il: 22 giu 2010, 15:32
Nome: RAFFAELLA
Comune: MARTELLAGO
regione: VENETO
nazione: ITALIA

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Raffaella13 » 04 ott 2017, 01:45

Caro Giuseppe, ne tiri fuori sempre una (specie....)più del diavolo!
Ci catturi e ci riporti ancor indietro, a consultare inizio del post, per accertarci di non mancarne una. -1987 -6691

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:38

Ciao a tutti!
Dopo un settembre veramente eccezionale che ha visto un fiorire straordinario di boleti, se ritornano le piogge, anche ottobre ci può regalare delle belle soddisfazioni.

In questo mese, anche se in qualche zona del sono già comparse negli ultimi giorni di settembre, cominciano a fruttificare le varie Armillaria che ci accompagneranno fino ai primi geli.

Armillaria mellea, i famosi "chiodini", che troviamo su piante vive e morte di varie latifoglie.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:39

Armillaria mellea.

In funzione della pianta parassitata cambia un po' il colore della cuticola, ma le caratteristiche distintive rimangono:
presenza di squamette erette soprattutto al centro del cappello,
orlo sottile e brevemente striato,
lamelle biancastre,
gambo con anello ad armilla,
carne fibrosetta,
crescita cespitosa.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:44

Attenzione!

Sono da preferire esemplari giovani con le lamelle ancora biancastre e TUTTE le specie di questo genere sono commestibili solo dopo prebollitura e lunga cottura.
Non si possono mangiare poco cotte perché contengono delle tossine termolabili che provocano un'intossicazione gastrointestinale.

Ecco che cos'è successo nei giorni scorsi in un ristorante del trevisano!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:46

Armillaria ostoyae che si distingue dalla mellea per preferire le aghifoglie anche se la possiamo trovare su legno di faggio.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:47

Armillaria gallica si distingue dalle precedenti per le squamette del cappello e l'armilla gialline.
Quasi sempre la troviamo su legno di latifoglia interrato tanto da sembrare terricola.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:49

Armillaria tabescens, è la meno diffusa delle specie già viste.
E' una specie con gambo privo di anello; presenta solo un velo parziale cortiniforme molto fugace visibile solo negli esemplari ancora chiusi.
La troviamo soprattutto nei querceti.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:50

È da maggio- giugno che ci accompagna e ci accompagnerà fino ai primi geli Clitocybe gibba, il famoso e ottimo imbutino.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:53

Nei prati, nelle radure boschive e all'interno dei boschi cresce in cerchi o a lunghe file Infunfibulicybe geotropa ex Clitocybe.
E' un fungo di stazza importante, slanciato con il gambo normalmente più lungo del diametro del cappello, cappello che presenta un umbone centrale emergente dalla cavità.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Gizeta
Moderatore globale
Messaggi: 5080
Iscritto il: 28 lug 2010, 20:22
Nome: giuseppe
Comune: verona
regione: veneto
nazione: italia

Re: I FUNGHI DI OTTOBRE .

Messaggio da Gizeta » 01 ott 2018, 02:54

Altra ex Clitocybe che troviamo nei boschi è Clitopaxillus alexandri.
Questa specie ha un colore generale meno caldo della geotropa, con lamelle ocra-beige.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Rispondi